Blog Archives

Sorry We Missed You

Ricky, Abby e i loro due figli, l’undicenne Liza Jane e il liceale Sebastian, vivono a Newcastle e sono una famiglia unita. Ricky è stato occupato in diversi mestieri mentre Abby fa assistenza domiciliare a persone anziane e disabili. Nonostante lavorino duro entrambi si rendono conto che non potranno mai avere una casa di loro proprietà. Giunge allora quella che Ricky vede come l’occasione per realizzare i sogni familiari. Se Abby vende la sua auto sarà possibile acquistare un furgone che permetta a lui di diventare un trasportatore freelance con un sensibile incremento nei guadagni. Non tutto però è come sembra.

Verso la fine dei titoli di coda si leggono queste parole: “Grazie a tutti quei trasportatori che ci hanno fornito informazioni sul loro lavoro ma non hanno voluto che i ...

Leggi di più

Richard Jewell

Atlanta, Georgia. Richard Jewell è un trentenne sovrappeso che vive ancora con la mamma e si considera un tutore della legge, ma in realtà svolge per lo più lavoretti di sorveglianza. Richard considera sua missione proteggere gli altri ad ogni costo: dunque, durante gli eventi che precedono le Olimpiadi del 1996, è il primo a dare l’allarme quando vede uno zaino sospetto abbandonato sotto una panchina. Questo fa sì che l’attentato dinamitardo del 27 luglio al Centennial Olympic Park abbia esiti po’ meno tragici di quelli previsti dall’attentatore, e Richard diventa l’eroe che aveva sempre sognato di essere: ma la sua celebrità istantanea non tarderà a rivoltarglisi contro e a farlo precipitare dal sogno all’incubo.

Basato sulla vera storia dell'”eroe di Atlanta” e su un articolo ...

Leggi di più

Hammamet

Hammamet, fine del secolo scorso. Il Presidente ha lasciato l’Italia, condannato per corruzione e finanziamento illecito con sentenza passata in giudicato. Accanto a lui ci sono moglie e figlia, mentre il secondogenito è in Italia a “combattere” per riabilitarne l’immagine e gestirne l’eredità politica. Nel suo “esilio volontario” lo raggiungono in pochi: Fausto, il figlio dell’ex compagno di partito Vincenzo suicida dopo essere stato inquisito dal Giudice, e un Ospite suo “avversario, mai nemico”. Sono gli ultimi giorni di una parabola umana e politica che vedrà il Presidente dibattersi fra malattia, solitudine e rancore: e la sua ultima testimonianza è affidata alle riprese di Fausto che nello zaino, oltre alla telecamera, nasconde una pistola.

Con Hammamet Gianni Amelio affronta...

Leggi di più

Tolo Tolo

Poteva fare quel che voleva, l’uomo più potente del cinema italiano. Poteva lisciare il suo pubblico, e invece lo sferza proprio lì dove, raccontano la cronaca e la politica di questi anni, fa più male.

Tolo Tolo, la recensione

Se c’è oggi uno che, nel cinema italiano, può fare quello che vuole, e lo fa, quel qualcuno è Checco Zalone.
Non solo, come notato da qualcuno, perché in un film dove i soldi vengono da Mediaset fa apparire solo personaggi e trasmissioni televisivi di La 7. Ma perché, proprio perché può e fa quello che vuole, invece di lisciare il suo pubblico, o di riproporgli solo una nuova variazione sul tema dell’Arci-italiano degli anni Duemila, gli sbatte in faccia un film dove si parla dei temi più spinosi e caldi dei nostri tempi: l’immigrazione, il razzismo, l’intolleranza.
Us...

Leggi di più
Fondazione Gabbiano, in quanto ente religioso, non deve ottemperare a quanto disposto
dall'art. 9 comma 2 del D.L. 8 agosto 2013 n.91, convertito con Legge 7 ottobre 2013 n. 112.
Sviluppato da NextMovie Italia Blog