Dogman

 

Close-up sulle fauci ringhianti di un minaccioso pitbull. Di fronte a lui, un omino che prova ad ammansirlo, “amore, amore”, “bravo, bravo”, per lavarlo e asciugarlo.

Matteo Garrone ci catapulta senza troppi fronzoli nella vita del toelettatore Marcello (Fonte) e, sempre senza troppi giri di racconto, capiamo anche in quali cupe atmosfere sia tornato il regista romano, dopo Il Racconto dei Racconti: siamo dalle parti de L’imbalsamatore, per capirci.

E anche questa volta il terreno di partenza è quello della cronaca: se allora lo spunto era dato dal “Nano di Termini”, con Dogman ci si ritrova a tu per tu con i terribili fatti relativi al cosiddetto omicidio del Canaro.

Ma come ribadito più volte dallo stesso regista, il film “non vuole in alcun modo ricostruire i fatti come si dice che siano avvenuti”: a Garrone interessa infatti addentrarsi in meccanismi oscuri, come quelli che regolano l’ambiguità del rapporto tra il sopracitato Marcello e l’ex pugile Simoncino (Edoardo Pesce, spaventoso), poco di buono che tiene sotto scacco l’intero quartiere, inquadrato in una periferia sospesa tra metropoli e natura selvaggia, con un mare malinconico a lambire quella terra desolata. Un luogo simbolico – è il Villaggio Coppola, dove il regista aveva già girato L’imbalsamatore e, in parte, Gomorra – un luogo di frontiera, dove prende vita questo western anomalo e suburbano, suggestivo e doloroso.

È un film di rara potenza, Dogman, figlio di un cinema che proprio nel regista di Primo amore e Gomorratrova uno dei suoi più abili creatori: la contrapposizione tra la gentilezza e la furia distruttrice, tra l’umanità e la bestialità, la non linearità a cui spesso la vita ci ha abituati nel delineare rapporti altrimenti impensabili, tutto questo sospeso in una tensione che anche le luci naturali e quelle di Nicolaj Bruel contribuiscono a non far scemare mai.

 

Sono lampi fugaci, momenti rubati da una consuetudine tossica e nociva, quelli che Garrone (anche autore della sceneggiatura insieme a Ugo Chiti e Massimo Gaudioso) sembra regalare al suo protagonista, quando riesce a stare qualche ora con la figlioletta, con cui condivide la passione per le immersioni, o quando, di nuovo, si ritrova da solo nel suo salone di toelettatura, a prendersi cura dei cani più disparati.

Ma Marcello è anche ben voluto dal resto del quartiere, altra situazione “ambientale” che Garrone riesce a tratteggiare ottimamente, soprattutto grazie alla direzione del cast di “contorno”, da Adamo Dionisi (il compro oro) a Francesco Acquaroli (il gestore della sala slot), fino alle brevi apparizioni del pusher Mirko Frezza e del poliziotto Aniello Arena (già protagonista di Reality).

Resta l’unico però, Marcello, fino all’ultimo, fino a pagarne direttamente e in prima persona le conseguenze, a coltivare l’incauta e illegittima speranza di poter tenere a bada, ammansire proprio come riesce con i cani più feroci, quell’uomo ormai perso per sempre sulla strada senza ritorno lastricata di cocaina e furti, violenze e sopraffazioni: ma neanche le migliori dosi di polvere bianca riusciranno a tenere sotto controllo Simoncino, ormai rullo compressore senza più nessuno alla guida.

Quello che avvenne tra Pietro De Negri e Giancarlo Ricci (il canaro e l’ex pugile), in quel febbraio del 1988 (ma il film è ambientato ai giorni nostri), con il primo che rivelò di aver ingabbiato l’altro per poi torturarlo tutta la notte (ricostruzione che gli inquirenti giudicarono inventata) è solamente “l’inizio”, per Garrone, di una storia che bisognava reinventare e raccontare al contrario, seguendo la vicenda di un uomo che, nel tentativo di riscattarsi dopo una vita di umiliazioni, si illude di aver liberato non solo se stesso, ma anche la propria comunità e persino il mondo intero.

Pensando magari di poter ritrovare la dignità schiacciata. E la riaffermazione sociale (quel sottofinale onirico lascia forse il tempo che trova, ma la chiusura del film è straordinaria) perduta invece per sempre.

Voto: 4,5 / 5

Valerio Sammarco, da “cinematografo.it”

 

 

 

Marcello ha due grandi amori: la figlia Alida, e i cani che accudisce con la dolcezza di uomo mite e gentile. Il suo negozio di toelettatura, Dogman, è incistato fra un “compro oro” e la sala biliardo-videoteca di un quartiere periferico a bordo del mare, di quelli che esibiscono più apertamente il degrado italiano degli ultimi decenni. L’uomo-simbolo di quel degrado è un bullo locale, l’ex pugile Simone, che intimidisce, taglieggia e umilia i negozianti del quartiere. Con Marcello, Simone ha un rapporto simbiotico come quello dello squalo con il pesce pilota.

Marcello procura a Simone quella cocaina che il bullo consuma in quantità esagerate e fa per l’ex pugile da secondo nelle “riscossioni”. Quando Simone sceglierà proprio il negozio di Marcello come base operativa per una rapina gli equilibri fra i due salteranno irrimediabilmente.

Ispirandosi liberamente ad uno dei casi di cronaca più cruenti del nostro passato recente, la vicenda del Canaro della Magliana, Matteo Garrone racconta un’Italia diventata terra di nessuno in cui cane mangia cane, complice l’abbrutimento culturale e sociale che ha allontanato i cittadini non solo dal benessere ma anche dalla solidarietà umana più elementare. Garrone depura la vicenda del Canaro dalla sua componente veramente oscena, ovvero la spettacolarizzazione, arrivando a desaturare la palette di colori con cui dipinge i suoi quadri di desolazione suburbana (meravigliosa la fotografia di Nicolaj Bruel) dei quali sfuma i margini ed evidenzia l’essenza.

Dogman inizia con il ringhio di un pitbull da combattimento ed il terrore speculare degli altri cani chiusi dentro le gabbie del negozio, enucleando così quelle dinamiche di sopraffazione e sottomissione che sono la regola di vita del quartiere. L’ombra di Simone si staglia gigantesca dietro la porta a vetri del canaro, proiezione gonfia di una paura atavica che con il tempo ha dominato gli animi della gente perbene, non soltanto nei quartieri periferici.

E lo sguardo smarrito di Marcello in riva al mare, dopo l’ennesima prepotenza subìta, è quello di un Paese che ha preso consapevolezza del proprio status di vittima, e che “tutto questo non lo accetterà più”. Ma invece di raccontare un’incazzatura alla Quinto potere, o la vendetta efferata e grottesca in cui le cronache hanno abbondantemente sguazzato, Garrone descrive una quieta rivalsa del tutto priva della valenza pulp che ha reso archetipale, e protagonista di uno storytelling ante litteram, il vero Canaro.

Voto: 4 / 5

Paola Casella, da “mymovies.it”

 

 

 

 

Condividi!

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Fondazione Gabbiano, in quanto ente religioso, non deve ottemperare a quanto disposto
dall'art. 9 comma 2 del D.L. 8 agosto 2013 n.91, convertito con Legge 7 ottobre 2013 n. 112.
Sviluppato da NextMovie Italia Blog