Vita da giungla: alla riscossa! – Il film

 

La tigre Natacha un giorno ha salvato un uovo dalle mire distruttrici del suo perfido rivale Igor. Da quell’uovo è nato un pinguino, Maurice, che, debitamente dipinto, ha sempre pensato di poter essere una tigre. Se la madre e i suoi compagni sono stati in passato i difensori della foresta e ora si sono ritirati ora Maurice pensa che tocchi a lui e a un gruppo non troppo ben assortito di amici prendere il loro posto.
Ogni tanto è utile e potremmo dire anche necessario respirare un’aria diversa da quella delle pur perfette (talvolta troppo perfette) produzioni statunitensi nell’ambito dell’animazione.

È il caso di questo lungometraggio francese che trae origine da una serie televisiva che inizialmente ha avuto più successo all’estero che in patria ma che è nota ai più piccoli. Perché è a loro che si rivolge senza rinunciare a una qualità visiva che fa sì che il passaggio dal piccolo al grande schermo possa essere efficace.

Lo è dal punto di vista estetico (si noti ad esempio come la colorazione ‘tigrata’ di Maurice dia la sensazione precisa di pennellate di vernice) così come sul piano narrativo. Perché sono due i livelli che si ripropongono, si intersecano e vengono portati avanti. Da un lato c’è il gruppo degli Eroi ormai ritirati dall’azione che ritengono di aver messo in condizione di non poter più nuocere il cattivo di turno ma che, in particolare la tigre Natacha, non vogliono che altri seguano il loro esempio perché sono consapevoli della pericolosità che quel tipo di interventi comporta.

La tigre vuole proteggere quel piccolo che tigre non è ma che si sente tale e che a sua volta ha adottato un pesce ‘tigrato’ pronto per l’avventura. L’altro percorso è quello della necessità di fare gruppo mettendo insieme qualità e difetti e compensandosi a vicenda. Maurice, il pesce tigre Junior, il gorilla Miguel e il tarsio Gilbert se visti separatamente non hanno grandi chance di poter sconfiggere la preponderante forza del nemico della foresta. Insieme possono, seppure con fatica, vincere. È un messaggio positivo che ricorda ai più piccoli, senza pedanteria e con tanta azione, che i punti deboli altrui sono quasi sempre accompagnati da elementi positivi ed è a quelli che si deve fare riferimento se si vuole costruire un futuro.

Voto: 3 / 5

Giancarlo Zappoli, da “mymovies.it”

 

 

“Vita da giungla: alla riscossa! – Il film” è una divertente pellicola d’animazione che porta sugli schermi cinematografici i personaggi della pluripremiata serie animata francese, che ha per protagonista la mitica ‘squadra della giungla’. A capeggiare la squadra il pinguino Maurice, convinto di essere un guerriero tigre, suo figlio adottivo, il pesciolino Junior, l’ingenuo gorilla Miguel, la svampita pipistrella Batricia e il tarsio Gilbert, l’intelligentone del gruppo.

L’amata squadra sarà protagonista di un racconto di lungo respiro che diverte e appassiona anche chi non ha mai visto la serie tv, grazie ad un preambolo narrativo che introduce alle imprese dei nostri eroi. Ad aiutare attivamente Maurice e co. gli amici di sempre, i due rospi Al e Bob, stavolta impegnati attivamente nell’avventura, che vedra’ coinvolti nuovi e sorprendenti personaggi.

Vita da giungla: alla riscossa! – Il film: un lavoro ben scritto e ben realizzato

Vita da giungla: alla riscossa - Il film scena film

Tecnicamente “Vita da giungla: alla riscossa! – Il film” è ineccepibile: i colori sono straordinariamente luminosi e le ambientazioni coinvolgenti, a dimostrazione che in Francia l’animazione digitale è di altissimo livello. La regia di David Alaux, creatore della serie tv assieme a Éric et Jean-François Tosti, regala dinamismo alla narrazione, grazie anche ad un montaggio puntuale e serrato che non lascia spazio alla noia. La sceneggiatura, scritta a sei mani dai tre creatori, porta sul grande schermo un prodotto spumeggiante e privo di pause narrative: il racconto scorre veloce, in un avvicendarsi di avventure e colpi di scena, alcuni dei quali sorprenderanno il pubblico di affezionati.
Il successo internazionale di “Vita da giungla: alla riscossa! – Il film” trova il suo punto di forza nella passione che anima i suoi creatori, che si impegnano nella realizzazione di serie tv e film (è già stato prodotto un lungometraggio per la tv, proiettato anche nei cinema francesi) su più fronti, sceneggiatura, regia, montaggio e produzione. La loro passione travalica lo schermo, coinvolgendo gli spettatori di ogni età.

Vita da giungla: alla riscossa! – Il film: un racconto spensierato e colorato per grandi e piccini

Non mancano, nell’evolversi delle vicende, rimandi a note pellicole d’avventura, sicuramente apprezzate da un pubblico adulto, una sorta di omaggio, che riporta alla mente “Mission Impossible”, “Indiana Jones e il tempio maledetto” e le pellicole che hanno come protagonista “Rocky”. A proposito di quest’ultimo, delizioso l’utilizzo del brano ‘Eye of the Tiger’ dei Survivor per motivare lo sconsolato Maurice, il pezzo fu scritto dal noto gruppo su richiesta di Stallone stesso per “Rocky III”.
“Vita da giungla: alla riscossa!” è un bel film per famiglie, 97 minuti di relax e divertimento.

Maria Grazia Bosu, da “ecodelcinema.com”

 

 

Condividi!

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Fondazione Gabbiano, in quanto ente religioso, non deve ottemperare a quanto disposto
dall'art. 9 comma 2 del D.L. 8 agosto 2013 n.91, convertito con Legge 7 ottobre 2013 n. 112.
Sviluppato da NextMovie Italia Blog