Rigoletto a Mantova

imm

 

Rigoletto a Mantova, prodotto da Andrea Andermann per la regia di Marco Bellocchio, fa rivivere tutte le emozioni del melodramma di Giuseppe Verdi proprio a Mantova, nei luoghi descritti nel libretto dell’opera. Placido Domingo per la prima volta veste i panni di Rigoletto, il superstizioso buffone di corte che piange l’amara morte dell’adorata figlia, Gilda, interpretata dal soprano Julia Novikova. Il giovane Vittorio Grigólo è il Duca di Mantova.

 

da “mymovies.it”

 

Rigoletto a Mantova, opera cinematografica ideata e prodotta da Andrea Andermann, per la regia di Marco Bellocchio e la fotografia di Vittorio Storaro, arriverà nei cinema italiani martedì 12 maggio, distribuito da Microcinema. Il pubblico potrà apprezzare sul grande schermo tutte le emozioni del melodramma di Giuseppe Verdi, interamente ripreso a Mantova, proprio nei luoghi e nelle ore descritti nel libretto dell’opera. Rigoletto a Mantova, terza opera Special e prestigioso ultimo appuntamento de La Grande Stagione Live & Special 2014-2015 di Microcinema distribuzione, che approderà nelle sale cinematografiche italiane martedì 12 maggio, è un film di Marco Bellocchio, con la straordinaria partecipazione di Placido Domingo, per la prima volta nel ruolo di Rigoletto, e la fotografia del premio Oscar Vittorio Storaro, con la partecipazione dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai diretta dal Maestro Zubin Mehta. Il “Rigoletto” è ambientato a Mantova, nei luoghi e nelle ore del libretto, rispettando cioè il ritmo più “autentico” della storia così come è stata pensata e narrata dagli autori. Le riprese sono state realizzate, in alta definizione, nello splendore rinascimentale della città di Mantova; grazie a un cast artistico e tecnico d’eccezione, sono tornate ad intrecciarsi le vicende del “Rigoletto”, un’opera intramontabile, che racconta la complessità della vita umana attraverso gli elementi da sempre motore dell’arte drammaturgica: l’Amore e l’Odio, il Bene e il Male, la Vita e la Morte. Un intreccio beffardo, a volte crudele e grottesco scandito, nella trama, dall’ombra incombente della “maledizione”.

Placido Domingo dà voce e anima al Rigoletto, buffone di corte che, dopo aver provocato in pubblico un nobil uomo, il conte di Ceprano, verrà tragicamente punito dai cortigiani per la sua imperdonabile insolenza. Sarà Gilda, la giovane e attraente figlia di Rigoletto, interpretata dal soprano Julia Novikova, che finirà per pagare con la vita gli “errori” del padre e un amore sbagliato, quello per il cinico duca di Mantova: un uomo potente e di bell’aspetto costantemente inebriato dal sapore della conquista femminile. È proprio il duca, che in questa straordinaria versione dell’opera ha la voce del giovane Vittorio Grigólo, a invaghirsi di Gilda. Lei credendolo un giovane studente s’innamora. Ma nulla di ciò che appare è così com’è realmente e i destini dei personaggi s’intrecceranno pericolosamente in un susseguirsi di avvenimenti dal tragico finale. Rigoletto a Mantova, vincitore del prestigioso Golden Prague – Czech Crystal Performing Arts, per come è stato concepito e approntato può essere considerato una delle operazioni audiovisive più complesse mai realizzate, lasciando intatto l’articolato linguaggio operistico con le sue atmosfere poetiche e seducenti. Attraverso un avanzato e sofisticatissimo impianto tecnologico, i set sono stati allestiti in vari punti della città di Mantova collegati tra loro, e con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai diretta dal Maestro Zubin Mehta che ha eseguito le musiche di Verdi, dal Teatro Scientifico Bibiena. È il melodramma che si fa film e diventa reale, che esce dal suo tempio, il teatro, per calcare il “palcoscenico” di una Mantova riportata, dalla sapiente fotografia di Vittorio Storaro, indietro nel tempo, nel XVI secolo. A Marco Bellocchio è stato affidato il difficile compito di dirigere gli artisti nell’interpretazione dei personaggi e di tenere le redini della complessa macchina della regia.

Di grande impatto emotivo le ambientazioni scelte: le sontuose sale di Palazzo Te, la celebre villa destinata alle feste, ai ricevimenti e agli “ozi” del duca di Mantova, costruita tra il 1525 e il 1535 dall’architetto e pittore Giulio Romano per volere di Federico II Gonzaga; Palazzo Ducale, la residenza principale dei Gonzaga, signori, marchesi e infine duchi della città di Mantova e la Rocca di Sparafucile, denominata anche la Rocca del Rigoletto, un antico presidio militare dei Gonzaga situato all’ingresso della città di Mantova proprio davanti al ponte di San Giorgio. Nel film tornano a vivere gli sfarzi della corte, frequentata da dame e signori blasonati, ma anche quelle atmosfere più misere e povere che si respiravano ai margini della città, nelle strade buie e malfamate frequentate da assassini e malviventi di ogni genere. Rigoletto a Mantova, sulle corde della passione, dell’amore e della vendetta, ha riportato in scena, in ogni angolo del mondo, il sapore di un’epoca affascinante e ormai tramontata. La particolarità di Rigoletto a Mantova, consiste nel fatto che le azioni sceniche, quindi gli interventi di cantanti-attori primari, comprimari e coro, si sono svolte in “ambienti reali” distanti tra loro e trattati scenograficamente, dove necessario, così da rappresentare al meglio i luoghi dove l’autore immaginò lo svolgersi dell’opera. L’Orchestra era posizionata in un set a lei dedicato, il teatro Bibiena, distante fisicamente dalle altre location, ma ad esse direttamente collegato “bidirezionalmente” mediante fibre ottiche. Collegamenti indispensabili e di estrema delicatezza e importanza perché hanno permesso ai cantanti-attori di mantenere la coerenza temporale con l’Orchestra mediante la distribuzione sia del riporto musicale dell’Orchestra sia del riporto video del “gesto” del Direttore d’Orchestra. Contemporaneamente presso il Teatro Scientifico del Bibiena, gioiello settecentesco della città di Mantova, il direttore è stato in grado di visualizzare i movimenti scenici dei cantanti e coristi presenti sui set e, insieme all’Orchestra, ha potuto ascoltare l’audio degli interventi dei cantanti e del coro. Tutto questo è stato possibile grazie all’utilizzo di fibre ottiche dedicate e a una cinquantina di televisori e casse acustiche distribuite nei tre set e adeguatamente camuffate così da essere invisibili agli spettatori. La ripresa video è stata realizzata mediante l’impegno di 4 regie digitali in HD, mentre per la ripresa audio sono state predisposte quattro regie digitali. Vi è stato un impegno di luci con una potenza pari a circa 1,5 mega watt, distribuita tra i vari set. Ogni singolo cantante è stato registrato utilizzando un sistema multicanale che ha permesso, unitamente alla post-produzione video, di realizzare un’impeccabile versione HD per il cinema con audio digitale 5.1.

da “ilvelino.it”

 

 

 

 

Condividi!

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Fondazione Gabbiano, in quanto ente religioso, non deve ottemperare a quanto disposto
dall'art. 9 comma 2 del D.L. 8 agosto 2013 n.91, convertito con Legge 7 ottobre 2013 n. 112.
Sviluppato da NextMovie Italia Blog