Alta via dei parchi

alta-via-dei-parchi

La mia terra si chiama Emilia-Romagna. È l’unica regione italiana che abbia preso il nome da una strada, e siamo abituati da sempre a partire, a tornare, e a veder passare una quantità di gente. La strada è dentro di noi, è un luogo dell’anima e un confine: a Nord della Via Emilia, la prospettiva si perde nella pianura infinita, mentre a Sud lo sguardo può riposare sui poggi dolci delle colline, e spingersi nelle giornate serene fino alle creste che chiudono l’orizzonte. È da quelle montagne che scesero, nella notte dei tempi, i fondatori delle nostre città; vennero dai passi nascosti fra le antiche selve, portando con sé un ordine sconosciuto, una religione e un alfabeto. La pianura, da allora, ha cambiato volto, mentre il profilo delle montagne è identico da migliaia di anni; lungo i crinali esposti e nel cuore dei boschi è ancora possibile camminare sulle orme dei padri, meravigliarsi per la bellezza del creato, e distinguere nel vento la voce che guida da sempre i viaggiatori.
Di Enrico Brizzi

La strada è dentro di noi, è un luogo dell’anima e un confine. A nord della via Emilia la prospettiva si perde nella pianura infinita, mentre a sud lo sguardo può riposare sui poggi dolci delle colline e spingersi nelle giornate serene fino alle creste che chiudono l’orizzonte.
Alta via dei parchi Emilia Romagna
Enrico Brizzi è noto ai più per l’esordio letterario negli anni ’90 con Jack Frusciante è uscito dal gruppo, romanzo di formazione ambientato a Bologna che ottenne uno strabiliante successo commerciale ma anche meritati apprezzamenti dalla critica. Successivamente Brizzi ha continuato la sua attività di scrittore e narratore, alternandola con quella di viaggiatore e camminatore. All’ultimo Trento Film Festival è stato presentato il film Alta Via dei Parchi, Viaggio a piedi in Emilia-Romagna, realizzato con la regista Serena Tommasini Degna e con musiche originali di Lorenzo Esposito Fornasari e Jonathan Clancy.
Brizzi ha camminato lungo tutto l’appennino emiliano da ovest a est, da Berceto a Rimini, dall’Apennino Tosco Emiliano alle Foreste Casentinesi, un itinerario di 500 chilometri che attraversa otto parchi naturalii. Il film racconta questo viaggio, facendo riscoprire un volto poco noto dell’Italia, lontano dai clamori delle città e delle località turistiche più note, un territorio che è rimasto in gran parte intatto dall’antichità fino ad oggi, quei monti da cui ‘nella notte dei tempi scesero i fondatori delle nostre città’.
Alta Via dei Parchi, Viaggio a piedi in Emilia-Romagna è un documentario di poco più di un’ora senza intenti pedagogici, che scorre tappa dopo tappa tra la bellezza dei passaggi e i dialoghi tra Brizzi, i suoi compagni di viaggio e altri viandanti incontrati sulla strada. I momenti paesaggistici accompagnati da una bella colonna sonora si alternano in maniera equilibrata con il racconto e i dialoghi. Si passa anche da casa di Francesco Guccini a Pavana, dove il cantautore condivide i ricordi di queste terre di quando era bambino.
L’itinerario dell’Alta Via dei Parchi è suddiviso in 27 tappe di difficoltà variabile. Alcuni tratti sono impegnativi (1a tappa da Berceto a Santo Parmense), ma ve ne sono percorribili anche da escursionisti non esperti e camminatori alle prime esperienze (19a tappa da Lago di Ponte a San Benedetto in Alpe). Alcune tappe offrono grandi scorsi panoramici (9a tappa da Abetone a Lago Scaffaiolo), altre attraversano boschi e foreste (23a tappa da Camaldoli a Badia Prataglia).
Enrico Zacchetti, da “speropoli.it”

“La mia terra si chiama Emilia-Romagna. È l’unica regione italiana che abbia preso il nome da una strada, e siamo abituati da sempre a partire, a tornare e a veder passare una gran quantità di gente”. Con queste parole Enrico Brizzi, viandante e narratore che ha imparato a conoscere l’Italia a passo d’uomo, percorrendo centinaia di chilometri a piedi lungo i sentieri della Penisola, si mette in cammino ancora una volta. I suoi passi lo condurranno lungo le 27 tappe che da Berceto, ai piedi del Passo della Cisa, si snodano lungo il crinale appenninico attraversando otto parchi naturali, per arrivare sino all’Eremo della Madonna del Faggio sul Monte Carpegna, in vista dell’Adriatico. Questo itinerario speciale, che lo porterà a conoscere il cuore dell’Emilia-Romagna più antica, autentica e resistente, ha nome Alta Via dei Parchi. Lo accompagneranno i buoni ricordi legati a questi luoghi, dai tempi in cui, lupetto nella squadriglia della Candida Luna, cercava di piantare la tenda sul pianoro più ventoso e indomabile fino ad un passato più recente, che lo ha visto calcare questi stessi sentieri diretto alla Città Eterna, partito dalla lontana Canterbury. Riconoscerà panorami e borghi a cui lo legano vincoli di sangue e d’affetto e scoprirà nuove e inaspettate meraviglie a poche ore da casa. Incontrerà persone che sapranno condividere con lui memorie e saggezza di queste montagne: il veterano gestore di un rifugio che un tempo nascose i partigiani ai tedeschi; i ricercatori impegnati nella salvaguardia del lupo, animale-totem dell’Appennino; il poeta musicista ritornato ai suoi luoghi d’origine per cantarne le atmosfere intatte; il frate abitante di una delle foreste più antiche d’Italia. Riaffioreranno alla memoria le parole degli uomini che vennero ispirati dalla maestosità di questi paesaggi: Dante Alighieri, San Francesco d’Assisi, Dino Campana; il suo cammino lo porterà su quelle montagne teatro in passato di aspre lotte per la difesa di un confine, o della Patria stessa. Seguendo i passi di Enrico lo spettatore si troverà coinvolto in un’avventura a passo d’uomo, alla scoperta di territori tra i più variegati e spettacolari che si possano immaginare, proprio nel cuore dell’Italia, attraversati dall’Alta Via dei Parchi.
da “cinemaitaliano.it”

Condividi!

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Fondazione Gabbiano, in quanto ente religioso, non deve ottemperare a quanto disposto
dall'art. 9 comma 2 del D.L. 8 agosto 2013 n.91, convertito con Legge 7 ottobre 2013 n. 112.
Sviluppato da NextMovie Italia Blog